Come migliorare il suono audio di una Tv con una soundbar

Come migliorare il suono audio di una Tv con una soundbar

La tecnologia TV è migliorata nel corso degli anni e continua a offrirci pannelli più luminosi, più vibranti e ovviamente più sottili. Ma man mano che i televisori si assottigliano, i produttori devono tagliare da qualche parte e purtroppo chi ne fa le spese è l’audio, spesso un po’ troppo deboluccio o di scarsa qualità.

Non fraintendetemi, molti televisori suonano bene, ma manca lo spazio per montare woofwer di grandi dimensioni che restituiscono bassi corposi . Insomma se la qualità video è eccezionale, il suono non è all’altezza della situazione. Si puo’ migliorare acquistando altoparlanti aggiuntivi esterni, oppure soundbar fatte ad hoc per i televisori.

Una soundbar è tradizionalmente un diffusore rettangolare lungo e sottile, con alcuni tweeter e un woofer integrato, che viene messo sotto o posizionato davanti a una TV per migliorare l’audio. Alcune sono unità autonome e altre soundbar sono impacchettate con un subwoofer a parte. A seconda della tecnologia in atto, come Dolby Atmos o altri standard audio, una sound bar può fare un ottimo lavoro riempiendo con il suono un’intera stanza.

Mentre le soundbar sono più economiche di un amplificatore home theatre 5.1, non dovrebbero mancare differire troppo in termini di qualità del suono. Molte marche come Bose, Sony, Samsung e Lg producono soundbar. Tutte fanno un ottimo lavoro nel migliorare l’esperienza TV di base e molte di loro abbinano una configurazione semplice con funzionalità aggiunte.

Bose è un grande nome nell’home entertainment produce cuffie, auricolari, altoparlanti Bluetooth, sistemi surround e, sì, soundbar. La serie 500 e 700 sono soundbar che mirano a offrire molto . Oltre a suonare alla grande con medi ed alti ben bilanciati, sono dispositivi abilitati Alexa.

La 500 e la 700 hanno al suo interno driver proprietari progettati appositamente per Bose. L’obiettivo finale è, ovviamente, avere la migliore esperienza sonora, anche in un design sottile,. Ognuno di questi si comporta davvero bene, con un notevole miglioramento dei bassi sul 700.

Il vero punto di svolta è AdaptIQ. Questa è una cuffia che indosserai durante la configurazione per calibrare il sistema. Mentre ti muovi nella stanza, la barra audio invia segnali audio. In sostanza, l’auricolare può rilevare questi toni (alto, basso e intermedio) per personalizzare l’esperienza. È un sistema di calibrazione che non ti deluderà. Che si trattasse di un film, di notizie o persino di un concerto, la 500 e la 700 fanno un lavoro eccellente. Entrambi inoltre sono molto potenti e tramite l’app companion è possibile controllare gli alti, i bassi e il canale centrale.

Mentre Bose gestisce i toni bassi e medi in una soundbar, Samsung HW-N450 è una combinazione di soundbar e woofer . E’ significativamente più conveniente e si abbina bene con qualsiasi TV Samsung. Il telecomando incluso è modellato su quello ergonomico di fascia alta che viene fornito con la maggior parte dei televisori Samsung.

Può connettersi tramite cavo ottico o HDMI alla TV, inoltre l’HW-N450 è anche una soundbar Bluetooth. Ciò significa che consente di trasmettere musica in streaming .

Non c’è alcuna connessione fisica tra la barra e il woofer; ciò avviene tramite una connessione Wi-Fi dedicata. Il suono è bilanciato con il volume a controllo separato per woofer e soundbar. Inoltre, è possibile alternare le esperienze audio standard e surround.

Se cercate una soundbar a 2.1 canali completa con certificazione Dolby Atmos, vale la pena dare un’occhiata all’HT-X9000F di Sony. È un po ‘più costosa, ma con diverse modalità audio e un raggio sonoro impressionante. A differenza di alcune altre sound bar che potrebbero sentirsi bene sono frontalmente l’HT-X9000F si fa apprezzare con il suono diffuso anche verso l’alto e un po ‘verso il retro.