Cuffie wireless: come scegliere le migliori

Cuffie wireless: come scegliere le migliori

Il mondo della tecnologia è così ricco di alternative che spesso diventa difficile capire quale prodotto acquistare. Vogliamo quindi provare ad analizzare più da vicino il mondo delle cuffie wireless, un oggetto per molti aspetti oggi diventato di culto.

Vantaggi e caratteristiche tecniche delle cuffie senza fili

La libertà di movimento e la comodità data dalle cuffie senza fili è un vantaggio enorme che si riflette in diversi utilizzi. Poter indossare le cuffie a distanze superiori del cavo e non essere quindi fisicamente legati alla fonte di riproduzione è un altro degli aspetti per cui le cuffie wireless vanno oggi per la maggiore. Il loro fascino e la cura per i dettagli, poi, rendono questi articoli molto apprezzati non solamente dalle nuove generazioni. Le prestazioni di altissimo livello, coerentemente con la fascia di prezzo di riferimento, rendono le cuffie wireless un articolo prezioso sia per un utilizzo privato che professionale.

Non a caso, infatti, quotidianamente si possono vedere pendolari che indossano cuffie senza fili per rendere i loro spostamenti più piacevoli. Così come l’utilizzo delle cuffie wireless per eventi silenziosi. L’ambito professionale è quello maggiormente coinvolto da questa “emancipazione dai cavi”, con uno sviluppo tecnico e tecnologico notevole per dj, musicisti e operatori del settore.

Esistono cuffie wireless per tutte le esigenze e tutte le tasche; ecco perché utile conoscere quali sono le caratteristiche tecniche più importanti da prendere in considerazione prima di acquistare un nuovo modello.

Guida all’acquisto delle cuffie wireless: 5 aspetti fondamentali

Infrarossi o radiofrequenza?

Un primo aspetto da analizzare è quello relativo al sistema di ricezione delle cuffie. Le cuffie a radiofrequenza integrano un’antenna che riceve il segnale radio e funziona anche se tra cuffie e trasmittente ci sono degli ostacoli. Le cuffie a infrarossi, invece, sono più economiche e richiedono di rimanere in prossimità della base trasmittente da cui proviene il segnale. I modelli a infrarossi sono più economici ed estremamente validi per un utilizzo domestico. Viceversa le versioni a radiofrequenza sono quelle maggiormente utilizzate in ambito professionale.

La potenza

Quando si parla di potenza delle cuffie bisogna considerare la frequenza, i driver e la sensibilità. La frequenza (espressa in un intervallo che va dai 20Hz ai 20kHz) è la capacità di riprodurre una maggiore spettro sonoro. Più ampia è la frequenza maggiore è la qualità audio che si riesce ad ascoltare. I cosiddetti driver, invece,  sono gli altoparlanti presenti nelle cuffie. È la loro dimensione che incide sulla qualità della riproduzione audio. Infine la sensibilità. Indicato in decibel (dB) rappresenta il volume massimo con cui il suono esce dalle cuffie.

Struttura

La struttura delle cuffie incide su due aspetti importantissimi: l’isolamento acustico e il confort. Le cuffie, infatti, possono essere on-ear, over-ear o in-ear e questa diversa tipologia consente di isolare di più o di meno l’orecchio quando ascolta il suono. Per quel che riguarda la comodità molto dipende dalla sensibilità soggettiva di ciascuno, ma è importante preferire cuffie dotate di imbottiture di qualità e che non creino fastidio all’orecchio. Soprattutto per chi le indossa per molto tempo consecutivamente.

Funzionalità

Le cuffie wireless possono essere dotate di diverse funzionalità. Possono prevedere un microfono per effettuare le telefonate, di comandi fisici sulla parte esterna dei padiglioni, così come dell’integrazione con gli assistenti vocali. Ogni funzionalità ha i suoi vantaggi, ma soprattutto il suo scopo. Per questo nella scelta delle cuffie senza fili è sempre necessario valutare ciò di cui si ha bisogno e individuare un modello soddisfacente per le proprie necessità.

Autonomia

La caratteristica principale delle cuffie senza filo è, appunto, l’assenza di cavo. Questo però comporta l’inserimento di una batteria che le alimenti. L’autonomia assicurata da quella batteria è un elemento indispensabile da prendere in considerazione. Sia perché permette di capire per quante ore consecutivamente si possono utilizzare le cuffie, sia per comprendere ogni quanto andranno collegate alla presa di corrente per essere ricaricate.