Colori web, la psicologia dietro il tuo sito

Colori web, la psicologia dietro il tuo sito

La scelta dei colori dei siti web non è casuale, o almeno così non dovrebbe essere. Nella realizzazione di un nuovo sito, o nell’aggiornamento di uno già esistente, si fanno una serie di valutazioni, non ultime quelle di ordine estetico. Il cosiddetto web design non è un mero rivestimento, ma parte integrante del successo di un sito. Già, il successo. Il fine di un sito è sempre quello: convincere e risultare utile per chi lo visita. E questa utilità è data anche dalla gradevolezza visiva delle pagine e dei contenuti presenti in quello spazio digitale. Per questo lo stile, le forme, il posizionamento degli elementi e i colori che compongono un sito web non possono e non devono essere frutto solamente del gusto personale.

Il potere cromatico

Quando si parla di psicologia non si deve pensare solamente al vecchio (e pessimo) modo di intendere questa scienza e questa categoria professionale. Per psicologia è da intendersi anche l’analisi delle scelte che genereranno una conseguenza. Chi sviluppa un sito web lo progetta in modo tale che, a ogni comportamento del visitatore, si verifichino delle conseguenze. A un click in una determinata area può corrispondere l’apertura di una pagina, l’avvio della riproduzione di un contenuto multimediale o, ancora, l’invio di un messaggio. Tutte queste azioni hanno un valore che deve essere comunicato.

La comunicazione dei colori

Anche i colori dei siti web hanno la capacità di comunicare un’emozione. Comprenderla significa avere un vantaggio su chi visiterà il sito. Tanto per fare un esempio è utile parlare del colore delle sale operatorie e dell’abbigliamento del personale sanitario degli ospedali. Questi sono generalmente verde o blu. Il motivo? Si tratta di colori che provocano distensione e, nel caso specifico, attenuano l’eventuale presenza di macchie di sangue (di colore rosso). Similmente, quindi, anche i colori del sito web su cui si sta lavorando devono avere chiaro sia qual è l’obiettivo che vogliono raggiungere che il modo con il quale farlo attraverso le diverse tonalità cromatiche.

I colori comunicano emozioni e suscitano sensazioni, sia positive che negative, ed è fondamentale conoscere queste dinamiche per poterle sfruttare a proprio vantaggio.

Il significato dei colori

Arrivati a questo punto possiamo riassumere il significato che hanno i colori primari (giallo, rosso, verde e blu). Il giallo è un colore che generalmente comunica gioia, apertura e solarità, motivo per cui è utilissimo per migliorare lo stato d’animo delle persone. Il rosso è un colore legato alla passione e all’energia, sentimenti positivi che possono però degenerare anche in rabbia, violenza e aggressività. Il verde, come detto, è un colore che esprime calma e sicurezza, ma anche speranza e generosità. Infine il blu è un colore considerato rilassante e che comunica pace e fiducia, anche perché è quello sia del mare che del cielo.

La psicologia dei colori applicata al web

Quanto abbiamo appena detto non è pura astrazione e mera teoria, ma è corroborato da una serie di studi e indagini. Tanto che è stato più volte dimostrato come la scelta di determinati colori rispetto ad altri permetta di aumentare la visibilità di un sito e migliorare la sua capacità di conversione. Per un sito informativo può apparire forse un dato marginale (e non è così), figuriamoci quanto questo possa risultare strategico per i siti, come gli e-commerce, incentrati sulla vendita di prodotti e servizi.

Questo excursus sul potere dei colori nei siti web deve indurre gli sviluppatori di siti a non trascurare questo elemento. La fruibilità del proprio lavoro dipende anche da questo aspetto che troppo spesso viene invece trascurato. Tutto nel web ha un valore e un potere, anche gli stessi colori, motivo per cui, in una strategia orientata al successo, devono essere presi in considerazione e valutati correttamente.