Quanto costa avere un sito web

Quanto costa avere un sito web? È questa una delle principali domande che gli utenti si chiedono in previsione dell’apertura di uno spazio online, per capire quali sono le spese iniziali e il budget da investire per un progetto nel medio-lungo termine. Chiariamo subito che avere un sito comporta dei costi di gestione fissi annuali, come ad esempio il rinnovo del dominio e dell’hosting, ma anche costi legati alla visibilità dei contenuti con i quali ci si vuole posizionare nelle prime pagine dei motori di ricerca.

Quando costa avere un sito web? Registrazione e rinnovo dominio

Come spiega Web Media Seo, nota agenzia specializzata in siti web a Palermo. Il primo costo da mettere in conto quando si apre un sito web ha per oggetto la registrazione del dominio, vale a dire il nome che si sceglie per chiamare il proprio spazio Internet. In genere, il consiglio è di selezionare un nome di dominio libero, che non sia cioè già stato registrato in precedenza, così da evitare di spendere una cifra considerevole da un’entità terza. La spesa per la registrazione di un dominio è spesso inclusa nel costo dell’attivazione dell’hosting, mentre per il rinnovo viene richiesta in genere una somma intorno ai 10 euro all’anno. Se si tratta di un progetto importante, o a cui comunque tenete particolarmente, il suggerimento è di registrare il dominio con le estensioni principali: oltre al .it, dunque, completate la registrazione anche delle estensioni .com, .net, .info, .biz, .eu, avendo così la certezza di disporre del controllo completo del brand. Va da sé che la registrazione di ciascuna estensione corrisponde a una spesa aggiuntiva corrispondente a quella della registrazione del dominio .it o .com. Per quanto riguarda invece il rinnovo del dominio, sia per maggiore convenienza che per una strategia SEO consapevole, suggeriamo di optare per un rinnovo pluriennale e non di anno in anno.

Attivazione e rinnovo hosting

Un’altra spesa da affrontare sia al momento dell’apertura del sito web sia per il suo rinnovo è quella dell’hosting, lo spazio virtuale che ospita tutti i contenuti del sito, dagli articoli, alle foto e video. Il costo di un hosting di qualità, che in genere offre un supporto efficace sia dal punto di vista tecnico che commerciale, si aggira intorno ai 100 euro ogni dodici mesi. Come già accennato nel paragrafo precedente, vi sono numerose società che propongono all’inizio il pacchetto completo dominio e hosting, includendo per il primo anno la spesa del dominio in quella dell’hosting. Volendo, è inoltre possibile richiedere il trasferimento di un dominio acquistato con un’altra azienda sul nuovo hosting: si tratta di un’operazione molto semplice, per la quale è possibile richiedere assistenza da parte del team tecnico che lavora per l’hosting che si è scelto di attivare. Inoltre, nell’arco dei dodici mesi è possibile che lo spazio non sia più sufficiente per esaurimento delle risorse disponibili o per l’aumento del traffico ricevuto dal sito: in questo caso si deve ricorrere all’upgrade dell’hosting, che comporta una spesa supplementare.

Visibilità dei contenuti

Per rispondere in maniera completa alla domanda iniziale su quanto costa avere un sito web, è indispensabile considerare anche la spesa legata alla visibilità dei contenuti. A questo proposito, bisogna sottolineare che vi sono due temi da tenere in considerazione: i costi legati all’ottimizzazione Seo e quelli che fanno riferimento agli annunci pubblicitari tramite i servizi a pagamento di Google (Google Ads) e Facebook (Facebook Ads). Per l’ottimizzazione dei contenuti a livello Seo si parte da un minimo di 100 euro al mese, per quanto riguarda invece il budget da destinare all’advertising al fine di ricevere traffico a pagamento non c’è una somma fissa, molto dipende infatti dalla disponibilità economica della persona o dell’azienda che c’è dietro al sito web. Il suggerimento è quello di utilizzare l’advertising esclusivamente per raggiungere il maggior numero di clienti possibile nel breve termine, mentre di investire sulla SEO per una strategia basata sul medio-lungo termine.